Piergiorgio Odifreddi: Scienza e fede, fede e ragione, Perché non possiamo essere Cristiani, Ateismo

Fonte e link: gabrielemartufi
Pubblicato il 05/nov/2013
http://www.youtube.com/gabrielemartufi

È assurdo pretendere che una grande intelligenza creda sul serio alla religione cristiana, o a qualsiasi altra religione: sarebbe come pretendere che un gigante indossasse la scarpa di un nano. (Arthur Schopenhauer)

La maturità di giudizio si riconosce dalla difficoltà di credere. Credere è cosa molto comune. (Baltasar Gracián y Morales)

Se Dio non volesse che nel mondo avessero luogo le peggiori e più indegne azioni, senza dubbio egli, con un solo cenno, caccerebbe e bandirebbe dai confini del mondo tutte le azioni ignominiose: chi di noi può opporre resistenza alla volontà divina? Come si può pensare che i delitti vengano commessi contro la volontà di Dio, se egli dà agli scellerati, nel momento di commettere un delitto, la forza a ciò necessaria? Ma se l’uomo si perde contro la volontà di Dio, allora Dio è più debole dell’uomo, il quale gli si oppone e ne ha la forza. Se ne deduce che Dio vuole il mondo qual è: se ne volesse uno migliore, lo potrebbe avere. (Giulio Cesare Vanini)

Se un uomo, oggi, seguisse gli insegnamenti del Vecchio Testamento, sarebbe un criminale. Se seguisse rigorosamente quelli del Nuovo, sarebbe pazzo. (Robert Green Ingersoll)

Quelli che cercano la verità, ma non la verità del dogma e dell’oscurità, ma quella che viene dalla ragione, dalla ricerca, dalla verifica e dall’indagine, hanno bisogno di disciplina. Perciò la fede, per quanto benintenzionata possa essere, deve basarsi sui fatti e non sulla fantasia: la fede nella fantasia dà false speranze che devono solo essere condannate. (Thomas Alva Edison)

Ho esaminato tutte le superstizioni note del mondo, e non ho trovato nella nostra particolare superstizione del cristianesimo nessuna caratteristica di pregio. Sono tutte similmente basate su favole e mitologia. Milioni di uomini, donne e bambini innocenti, sin dall’introduzione del cristianesimo, sono stati bruciati, torturati, multati e imprigionati. Qual è stato l’effetto di questa coercizione? Rendere stupida la metà del mondo, e l’altra metà ipocrita. E sostenere la bricconeria e l’errore su tutta la terra. (Thomas Jefferson)

La nostra fede non è una fede. Non intendiamo basarci esclusivamente sulla scienza e sulla ragione, perché questi sono elementi necessari piuttosto che sufficienti, ma diffidiamo di qualsiasi cosa contraddica la scienza o offenda la ragione. Possiamo non essere d’accordo su molte cose, ma rispettiamo la libera ricerca, la spregiudicatezza e il perseguimento delle idee per il loro intrinseco valore […]. Crediamo senza titubanza che una vita etica possa essere vissuta senza religione. E diamo per ovviamente vero il corollario: che la religione ha fatto sì che innumerevoli individui non solo non si siano comportati meglio degli altri, ma ha concesso loro il permesso di comportarsi in modi che farebbero sollevare il sopracciglio di una tenutaria di postriboli o di un appassionato di pulizia etnica. (Christopher Hitchens)

Se c’è una cosa che Dio proprio non può essere, è un Progettista Intelligente. C’è un sacco di gente a Milano che disegna vestiti, come a Detroit disegnano auto. Dio non è paragonabile a questa gente. Il movimento dell’ID (Intelligent Design) si propone di combattere un supposto ateismo che si annida nella comunità scientifica. Ma fa’ esattamente l’opposto. Propone un Dio meccanico, un Dio meschino, un Dio che, come il Mago di Oz, gira le manopole per accordare tutto l’insieme delle cose. Così fallisce su tutti i fronti, quello religioso e quello scientifico. (George Coyne)

La religione rappresenta un insulto alla dignità umana. Con o senza di essa, ci sarebbero sempre buoni che farebbero il bene e cattivi che farebbero il male. Ma perché i buoni facciano del male, occorre la religione. (Steven Weinberg)

Il pensiero della non esistenza di Dio non ha mai spaventato nessuno, ma è terrorizzante invece pensare che ne esista uno come quello che mi hanno descritto. (Denis Diderot)

.

 IL NOSTRO COMMENTO: Ha ragione Odifreddi nella sua analisi. La Bibbia, a nostro avviso, non è un libro sacro. La Chiesa per millenni  ha fatto intendere che lo fosse  con interpetrazioni fantasiose e fuori di ogni realtà.  La Bibbia è un libro che racconta le peripezie del popolo ebreo. La Divinità chiamata Elohim, Dio, ecc.. non si identifica con l’Essere Supremo pieno di Amore verso tutti. Il Dio della Bibbia è una Divinità malefica perchè minaccia fulmini e saette a chiunque si ribelli alla Sua Autorità. Per fare qualche esempio: “Uccidi chiunque abbia una religione diversa dalla tua (Deuteronomio 17,2-7) Ancora: “Uccidi tutti quelli che adorino altri Dei (Esodo 22.20) Se ne possono citare a bizzeffe di questi moniti. Allora anche una persona di media intelligenza si chiede: ma che Dio è quello della Bibbia? Non è niente! Sono minchiate somministrate dalla Chiesa, a posteriori, per incutere il timor di Dio a tanta gente che abbocca. Ormai è una pratica (vizio) che dura da millenni questa della Chiesa. Perchè invece di raccontar frottole alla gente non guarda un po’ dentro se stessa. Vi troverà: lo IOR (la Banca che ricicla!), l’Opus Dei (che nessuno sa che Cristo sia!)  ed, infine,  migliaia di  preti pedofili che dovrebbero essere cassati dal genere umano e buttati a mare con una pietra la collo come disse Gesù Cristo tanti secoli addietro. Guardatevi i video di Odifreddi nel suo blog (Cliccate qui) e cercate di ragionare con la Vs testa non con quella della Chiesa cattolica.

Annunci